Gelo d’autunno a quieta radura – di Clelia Canè

Gelo d’autunno a Quieta Radura

di Clelia Canè

edizioni Lavieri

Dal sito dell’editore 

L’autunno è alle porte e nel bosco di Quieta Radura iniziano i preparativi per affrontare i primi freddi. Tra provviste e malanni di stagione, tazze di tè e tanto amore, gli abitanti della radura riescono a superare qualsiasi difficoltà.

Clelia Canè ha creato il mondo di Quieta Radura nel 2007 e da allora non si è più fermata. Educatrice e naturalista, esperta di home living e attenta estimatrice della cultura anglosassone, ha negli anni appassionato migliaia di persone con il suo mondo dolcemente “British”.

Recensione

Un libro per bambini.

L’ho letto a mia figlia di 5 anni e ogni tanto, prima di dormire o anche solo per passare il tempo e stare insieme, mi chiede di leggerglielo.

A me i disegni dell’autrice piacciono molto, pieni di dettagli e molto evocativi dell’atmosfera autunnale.

A mia figlia piace la storia: i topolini che per scaldarsi stanno tutti insieme nel letto, i nomi delle famiglie e le tre topine che filano, tessono, cuciono e riparano.

Questo è il primo libro che ha ricevuto a casa, con il suo nome, proprio indirizzato a lei, e ora, quando il postino suona, mi chiede: “Mamma, è un libro per me?

Ecco, purtroppo non posso dire molto del libro, non voglio rovinare la sorpresa per chi lo vorrà leggere, ma posso dire che è senz’altro un bell’acquisto per i bambini. Il mondo di quieta radura è un mondo tranquillo, dove si parla in rima e dove ognuno svolge la sua parte. Una comunità allargata dove ci si aiuta l’un l’altro, anche chi non ha niente da guadagnarci, se non un gran brutto raffreddore.

Un libro che piace ai piccoli, senza dubbio, ma anche ai grandi.

A me, è piaciuto molto!

Daniela

 

Precedente Sotto questo Sud - di Patrizia Prete Successivo Fancy red - di Caterina Bonvicini (Mondadori)