Gli eredi del tempo – di Thomas Landini

Gli eredi del tempo

di Thomas Landini

Istos Edizioni

Dal sito IBS:

Il romanzo è ambientato a Pisa. La tranquilla vita universitaria di alcuni ragazzi è a un tratto sconvolta da una serie di eventi straordinari, come un avvistamento ufo, un rapimento, un suicidio e l’incontro con strani personaggi, che danno il via a una coinvolgente avventura. I protagonisti, basandosi su vicende realmente accadute e personaggi storici, come Leonardo da Vinci e Napoleone Bonaparte, e passando per teorie esoteriche e fantascientifiche, tenteranno di dare un ordine agli ultimi 800 anni della nostra storia.

Recensione

Landini ci racconta una storia che prende spunto da una sua esperienza personale, realmente accaduta; la prende in mano come creta, la manipola, la lavora un po’, la unisce ad altri elementi, la trasforma e ce la restituisce come qualcosa di diverso. Un intreccio tra presente, passato e futuro, dove la ricerca di un amico diventa la ricerca di una verità storica. I protagonisti sono giovani ragazzi, alcuni studenti universitari, altri lavoratori più o meno precari, ognuno con la sua particolarità, e uniti dalla ricerca, da un evento particolare, sconvolgente, a cui hanno assistito.

Ciascuno di loro metterà del suo nella ricerca, cercherà di dare il suo contributo per salvare l’amico, che non si sa dove sia.

È un libro scorrevole e piacevole, l’ambientazione a Pisa è senza dubbio molto bella e suggestiva e offre un’atmosfera magica, che ben si sposa con la storia. Anche i personaggi citati, da Leonardo da Vinci a Edgar Cayce, sono figure affascinanti, e mi sarebbe piaciuto che l’autore spendesse più pagine per farci passare del tempo in loro compagnia.

il libro mi è piaciuto, ma mi è dispiaciuto che passasse così in fretta, vista la storia e la quantità di informazioni, personaggi e intrecci, penso che l’autore potesse permettersi di soffermarsi di più sui vari passaggi, che troppe volte sono scivolati via velocemente.

Daniela

Precedente La Scapigliatura e il 6 febbraio 1853 - di Cletto Arrighi Successivo Tea Stilton "Cinque cuccioli da salvare"