“La Laguna Incantata” di Ninetta Pierangeli

la laguna incantata
la laguna incantata

 

Fra una settimana nella laguna incanta si terranno le elezioni. La murena è troppo stanca per ricandidarsi, chi votare come nuovo sindaco? Gli abitanti sono tutti indecisi, non si trova nessuno che possa sostituirla. Ma perché si chiama laguna incantata? Perché regna l’armonia, perché le occhiate, i polpi e persino gli antipatici astici vanno d’accordo e vivono felici. 
Un giorno, il primo della nostra storia, Giacomino soprannominato “tremolino” perché si spaventa di tutto, aiuta una cannuccia incastrata sul fondale a liberarsi. Grazie ai poteri magici dell’arcobaleno della cannuccia sua amica, Giacomino conquisterà la stima di tutti gli abitanti della laguna.
Questa bella fiaba sottomarina ambientata fra onde e bollicine rievoca atmosfere estive e spensierate ma ci ricorda l’importanza della comunità, del rispetto e dell’aiuto reciproco perché si realizzi la migliore democrazia.

Estratto:

C’era una volta, nel vasto mare, un’isoletta che
rinchiudeva una piccola laguna incantata. Solo
una galleria sottomarina metteva in comunica-
zione la piccola laguna con il grande mare.
E se il mare era il regno degli squali, e Maurizio,
lo squalo gigante, era il suo re, nella piccola
laguna incantata c’era invece una repubblica,
una vera democrazia.
Nella laguna incantata viveva-
no tante specie animali:
c’era la famiglia degli scor-
fani, la più brutta della
laguna, c’era la famiglia
delle stelle marine, rosse e brillanti,
c’era un grande gruppo di sogliole che striscia-
vano sulla sabbia, c’erano le orate che giro n-
zolavano in su e in giù, c’erano i cavallucci
marini che si muovevano sempre in coppia,
c’erano le cozze, attaccate agli
scogli, i canolicchi, nascosti nella
sabbia, le meduse che si facevano
t r a s c i n a redalla corrente, e poi c’era
un polipetto solitario, che si chiamava
Giacomo, ma tutti lo chiamavano
Tremo l ino, perché i suoi
tentacolini
facevano sempre
“giacomo
giacomo”.
La laguna era incantata
p e rché al suo interno c’era
il vero incanto della pace.
Tutta la fauna e la flora marine vivevano in
pace perché osservavano la grande re g o l a :
d e n t ro la laguna nessuno si nutriva di qualcun
a l t ro, ma il sostentamento avveniva attraverso
la galleria sottomarina.
Descrizione

La laguna incantata" è una repubblica dove regna la pace fra tutti gli esseri viventi. Uno di loro è Giacomino, il polipo fifone e tremolino, che, con l'aiuto di una cannuccia trasparente e attraverso varie avventure, scoprirà il potere dei suoi cromatofori, adatti a catturare la magia dei colori. È il solstizio d'estate e mentre la luce, più intensa che mai, si diverte a giocare con tutte le sue sfumature, gli abitanti della laguna si apprestano a eleggere il loro nuovo sindaco. Età di lettura: da 7 anni.
Precedente Rovine - di Peter Kuper Successivo "Fame Plastica" di Nicola Brizio (Funambolo Edizioni)