Il mare per le conchiglie, di Mimma Leone

 

Il-mare-per-le-conchiglie

Il mare per le conchiglie

di Mimma Leone

Tratto dal web Mesagnesera:

Una raccolta di racconti brevi (casa editrice [email protected], collana [email protected]).

Dieci donne, una per ciascuna storia/conchiglia, sullo sfondo delle coste salentine, si raccontano e si rivelano in narrazioni a volte tenere ed avvolgenti, a volte violente e brutali. “In ogni donna c’è un po’  di me che va oltre me e il mare decide la direzione, il naufragio e l’approdo”. Le conchiglie di questo mare sono donne che recano, in loro stesse, suoni e misteri della natura. Proprio come conchiglie,  queste donne assorbono musica e magia, ricavandone energia vitale. Non vi è in natura null’altro che possa rendere, in maniera più completa e complessa, il loro mondo. La fotografia di copertina, dal  titolo “Ascolto”, è di Federica Cerino.

Recensione:
il libro si compone di dieci racconti brevi e brevissimi, tutti hanno come protagonista una donna, una ragazza, una regina, una sirena, che parla in prima persona. Sullo sfondo, in ognuno di loro, le coste e le atmosfere del Salento.

È un libro scorrevole, a parte qualche errore sfuggito alle maglie dell’editing. L’autrice porta a galla frammenti di storia, di vita, come le conchiglie che riemergono dal mare e che si lasciano vedere, toccare, portare a casa, ma la cui storia possiamo solo immaginare, mai conoscere veramente.

Il libro è breve, si legge veramente in fretta; avrei tuttavia preferito che l’autrice evocasse meglio le atmosfere salentine, i profumi, gli odori, le voci (di cui è evidentemente orgogliosa, anche se non lo dichiara mai) e inserisse magari qualche dialogo o scambio di battute, per dare più spessore ai personaggi che appaiono invece sfuggenti, come ombre.

Precedente La ragazza con l'orecchino di perla, di Tracy Chevalier Successivo Hunger Games, di Suzanne Collins