Ms Kalashnikov di Wu Ming 5 e Francesca Tosarelli (Chiarelettere)

Ms Kalashnikov di Wu Ming 5 e Francesca Tosarelli (Chiarelettere)

MS KALASHNIKOV

di Wu Ming 5 e Francesca Tosarelli
Chiarelettere, Milano 2016 _ Collana: Narrazioni _ pp. 228 _16 euro
Ms KALASHNIKOV
“IL CUORE È ALTROVE, DOVE LE DONNE HANNO SCELTO DI NON ESSERE PIÙ
VITTIME E PROVANO A PRENDERE IN MANO LA PROPRIA VITA, O CIÒ CHE NE
RIMANE. E COMBATTERE.”
descrizione (dal sito dell’editore): Un libro sulle donne, per una volta non vittime ma combattenti, che hanno scelto un percorso di resistenza e non hanno smesso di vivere e di sognare. Una narrazione serrata, che concede molto poco alla fiction e che respira con il reale, con l’esperienza vissuta, toccata, percepita.
Ms Kalashnikov è il racconto tutto in presa diretta di una giovane fotografa di guerra che esce dalla comfort zone del quotidiano e porta il suo corpo sul campo, in diversi angoli del pianeta, per ascoltare e darci la possibilità di ascoltare le voci di altre donne.
Da Capo Verde al confine tra Libano e Siria, alla Repubblica democratica del Congo, il viaggio di F. finisce in un continente depredato prima dal colonialismo e ora dalla globalizzazione, nelle zone devastate dalla violenza della lotta civile o della guerriglia, nei luoghi del mondo che sfruttiamo ogni giorno mentre viviamo le nostre comodità mai in discussione.
F. vuole vedere e scoprire con i suoi occhi un mondo altro, senza più tutti i filtri di una cultura dominante. Lo fa accompagnando in mare i pescatori capoverdiani che non hanno più niente a pescare; lo fa improvvisando passi di batuque con le raccoglitrici di sabbia dell’isola costrette, per sopravvivere, a devastare le spiagge ormai ridotte a ciottoli; lo fa incontrando le combattenti congolesi del gruppo ribelle Mai Mai Shetani.
Storie toccanti, di donne che amano, sognano, ballano, si truccano, e al tempo stesso si ribellano, lottano, uccidono.
Recensione:
Del libro voglio parlarne dopo. La figura della fotografa di guerra è così forte e preponderante nella scrittura che non si può non cercarla per approfondire l’esperienza della storia narrata. E così scopro il suo sito, il suo volto (bellissimo, giovane e insieme carico di vissuto) e foto eccezionali che superano perfino la sua scrittura già potente e così realista che pare di essere in territorio di guerra, a ogni pagina, a ogni foto.
Le prime pagine del diario sono un  piccolo assaggio: al centro sono le donne, quelle di Capo verde, e la donna reporter che entra a testa alta e in punta di piedi in quei vicoli che agli uomini sono interdetti. Lì  si intrecciano capelli, si parla di compagni e di cosa sia il rispetto per la dignità, dell’essere donna qui in Occidente dove è fortuna nascere e facile crescere e lì a Capo Verde dove, se il tuo uomo ti telefona a metà del tragitto, tu devi tornare indietro.
“È la prima domanda che faccio a chi mi ospita o mi viene a prendere in aeroporto, o alla prima persona locale con la quale instauro un minimo di intimità: «Senti, ma qua, le donne, ci vanno da sole a ballare?».”
La sete di sapere non si può placare col Batuque e via, con un nuovo viaggio!
Le viscere si ingarbugliano quando la storia cambia scenario: scopriamo un Libano, al confine con la guerra, fatto di guerriglieri e ragazzi che vogliono essere fotografati con un mitra in mano, ma questo già lo conoscevamo. Con Miss Kalashnikov scopriamo le donne sotto il velo: ci siamo anche noi a fare la ceretta con Rawa,  in quel linguaggio universale che soltanto le donne conoscono.
“Ci sono alcuni momenti in cui vivi e basta, col corpo, e capisci solo in seguito come gli eventi abbiano influito su di te, come ti abbiano segnato. “
Il reportage si costruisce poco per volta davanti ai nostri occhi. Giornalisti disposti a rischiare la vita perché se non ci sono più elmetti e giubbotti a proteggerli vanno lo stesso, anche al buio, anche in un corridoio con i teli sospesi sulla testa a unica protezione della vita.
E rinunciano alle comodità, perché le riviste li compreranno quelle foto ma non le hanno commissionate quindi le spese sono a carico dei reporter. Questo si rivela un bene, per respirare i profumi e l’essenza di quei luoghi: case senz’acqua corrente o elettricità ma
“La nostra attitudine nomade ci proteggeva.”
Le sensazioni profonde e contrastanti che si provano leggendo questo diario non le posso spiegare, ma ciò che resta è che ogni donna combatte a modo suo, combatte per sé e per tutte le donne. Alcune volte in silenzio, altre con una foto cambia il mondo.
“Non è mai bene avere dipendenze. Difficile vivere senza averne.”
 Verrebbe quasi voglia di andarci, al Coco Jambo. Ma il Congo è storia difficile da raccontare,con le milizie M23, non è solo musica alta, whiskey e droga.
Il ballo permea la narrazione come un fil rouge, dal capoeira al batuque al funanà, ma a mio avviso la pagina più toccante è la lettera della madre, che come una coscienza, dura e sincera come una madre sa essere, mette la figlia davanti a uno specchio e le chiede di guardarci attraverso.
Miss Kalashnikov è una lettura dura, forte, ma necessaria perché la guerra la fanno gli uomini ma la vivono anche le donne e restituiscono l’esperienza con la forza del sentire, dalle viscere direttamente.
Autore

Wu Ming 5 (Riccardo Pedrini) è membro fondatore del collettivo di autori Wu Ming. Ha firmato lavori collettivi come Manituana (Einaudi), Altai (Einaudi) e il recente L’armata dei sonnambuli (Einaudi), l’ultimo grande romanzo storico del collettivo. Musicista, continua l’attività con i bolognesi Nabat, uno dei gruppi di culto della scena punk rock italiana e internazionale.

Francesca Tosarelli ha lavorato come fotogiornalista indipendente, i suoi reportage sono stati pubblicati sulle maggiori riviste internazionali, tra cui “The Sunday Times”, “Le Monde”, “Der Spiegel”, “Internazionale”. Attualmente è regista del progetto crossmediale Ms Kalashnikov, che esplora le forme contemporanee di ribellione al femminile in zone di guerra, attraverso la combinazione di fotografia, scrittura e piattaforme interattive. È membro fondatore di Matchbox Media, un collettivo di autori indipendenti che si occupa di storytelling multimediale.

Precedente Classifica dei libri più venduti (05 giugno 2016) Successivo Storie di un'attesa di Sergio Algozzino (Tunué)