Oltremondo – Le regole del buio, di M. L. Mandelli

Le regole del buio

Oltremondo – Le regole del buio

Oltremondo – Le regole del buio

di Marta Leandra Mandelli

 

Dei tre capitoli di Oltremondo questo, Le regole del buio, a mio parere è il migliore.

Finalmente i protagonisti sono maturi, hanno smesso le incertezze e le titubanze dei primi due capitoli, affrontano la vita e le sfide loro riservate e assumono le conseguenze delle loro azioni. Sono consapevoli della loro forza e delle loro debolezze, di non essere perfetti, ma di dover fare il meglio che possono con ciò che la natura ha dato loro (e non è poco, visto chi sono!)

Come i primi due, questo terzo libro alterna azione a introspezione, ma a differenza loro, lo fa in maniera più decisa. Non ci sono gli sfarzi di una Milano luminosa e borghese, non ci sono arrovellanti stile “m’ama – non m’ama”, i protagonisti hanno problemi seri da risolvere, di vita o di morte, non più di che colore scelgo l’abito per il mio compleanno?

Siobhan è stata rapita il giorno delle sue nozze e trasportata in una Dimensione parallela. Ma quale? Tyler, il Veggente, è cieco, sia di visioni che di realtà. Come faranno a capire dove andare? Quali altre prove li aspettano? Potranno finalmente stare insieme senza battaglie da combattere?

In questo libro l’autrice riprende il leitmotiv per cui ‘nulla accade per caso’, ma lo sviluppa in maniera più articolata. Nulla accade per caso, ma non sempre è un bene e i protagonisti che cosa devono farsene di queste ‘coincidenze’?

Come nei migliori fantasy, anche in Oltremondo, nella lotta tra il bene e il male, ciò che farà la differenza saranno le emozioni e i legami tra i protagonisti, amore e amicizia, e come in ogni storia che si rispetti, per tutto c’è un prezzo da pagare.

Porta con te la nostra storia, ma continua a scrivere la tua.

Questo libro è la degna fine di una bella saga, iniziata con due ragazzine viziate e che termina con… no, non faccio spoiler. Leggetelo e ditemi che cosa ne pensate.

Voglio che lui sappia che l’amore è questo: inaspettato, impensabile, inimmaginabile stella che rischiara la via al punto di sospettare di non aver mai aperto prima gli occhi.

Questo è il blog dell’autrice.

Daniela

I commenti sono chiusi.