Sonno profondo, di Banana Yoshimoto

sonno profondo

Descrizione (dal sito dell’editore):

Con Sonno profondo Banana Yoshimoto indaga nel cuore di tre giovani donne e ne trae ombre plastiche, insinuanti, che echeggiano il vuoto della notte e la paura della solitudine. Vicina al germogliare più segreto delle emozioni, Yoshimoto disegna un mondo sfuggente e tuttavia concreto, che accompagna il lettore in un’avventura dell’anima di straordinaria incisività.

Dettagli:

Marchio: FELTRINELLI

Pagine: 144

ISBN: 9788807813320

 

Recensione:

Il libro di Banana Yoshimoto, edito da Feltrinelli, si compone di tre
lunghi racconti dal titolo: “Sonno Profondo”, “Viaggiatori nella
notte” e “Un’esperienza”. Tutti hanno il sonno come filo conduttore,
un sonno potente che annichilisce la volontà, che impedisce di
prendere l’iniziativa, che annienta e più si dorme più si vorrebbe
dormire. La stessa Yoshimoto parla di uno stato di torpore dal quale è
difficile riemergere, quasi una depressione, un’apnea in cui ci si
sente protetti. Le donne del sonno di questi racconti cercano
un’evasione dalla realtà e un rifugio in una dimensione onirica e
sovrannaturale dove le protagoniste sperimentano connessioni con chi
non c’è più o è sospeso fra il reale e la morte. Il sonno incombe come
una divinità a cui è impossibile opporsi. La Yoshimoto racconta le
vicende delle tre protagoniste con delicatezza e profondità di
sentimenti che avvinghiano nella loro stessa dimensione di
annichilimento anche il lettore.
Il primo racconto, “Sonno profondo”, intreccia i temi della perdita e
l’amore. La perdita di una amica e l’amore per un uomo sposato. Nel
secondo, la neve insieme al sonno accompagna la storia di due amiche e
della morte del fratello della protagonista. L’ultimo, infine, crea
una malinconica sospensione temporale in cui due amiche si incontrano.
è un libro delicato e profondo, come il sonno senza sogni da cui è
sempre possibile risvegliarsi.

Anita

Biografia:

Banana Yoshimoto

Banana Yoshimoto

Banana Yoshimoto (Tokyo, 1964) ha conquistato un grandissimo numero di lettori in Italia a partire da Kitchen, pubblicato da Feltrinelli nel 1991, e si è presentata come un autentico caso letterario. Dei suoi altri libri, tutti pubblicati da Feltrinelli, ricordiamo: N.P. (1992), Sonno profondo (1994), Tsugumi (1994), Lucertola (1995), Amrita (1997), Sly (1998), L’ultima amante di Hachiko (1999), Honeymoon (2000), H/H (2001), La piccola ombra (2002), Presagio triste (2003), Arcobaleno (2003), Il corpo sa tutto (2004), L’abito di piume (2005), Ricordi di un vicolo cieco (2006), Il coperchio del mare (2007), Chie-Chan e io (2008), Delfini (2010), Un viaggio chiamato vita (2010), High & Dry: Primo amore (2011), Moshi moshi (2012), A proposito di lei (2013),  Andromeda Heights. Il Regno 1 (2014), Il dolore, le ombre, la magia. Il Regno 2 (2014), Il lago (2015), Il giardino segreto. Il Regno 3 (2016) oltre ad alcuni racconti nella collana digitale Zoom (Moonlight Shadow, 2012, Ricordi di un vicolo cieco, 2012, La luce che c’è dentro le persone, 2011). Banana Yoshimoto ha vinto il premio Scanno nel 1993, il premio Maschera d’Argento nel 1999 e il premio Capri nel 2011.

Precedente "Adua" di Igiaba Scego Successivo La ragazza con le scarpe di vernice rossa, di Andrea Sperelli