“Ti Faranno del Male” Andrea Ferrari

ti faranno del male
ti faranno del male

 

Un’atmosfera opprimente come un cielo plumbeo, come l’umidità che penetra le ossa, taglia il romanzo di Andrea Ferrari, di cui avevamo già recensito “Odio“.
Un protagonista ambiguo e disagiato che vive ai margini e tenta di sopravvivere dopo essere uscito dal manicomio. Un lavoro precario in fabbrica il cui contratto sta per scadere, un appartamento in concessione condiviso con un coinquilino borderline, un’auto scassata e  avventure in videochat .
La sua vita non riesce a recuperarla, sembra che per lui non ci sia niente di più che un abbonamento in palestra e qualche sera in discoteca. Poco per volta i pezzi vanno a posto, così sembra, e il protagonista trova un impiego come progettista, la pubblicazione di un romanzo e una donna che poco per volta diventa la sua fidanzata. Ma la serenità non può durare a lungo ed ecco che di nuovo tutto precipita. Non c’è possibilità di redenzione, probabilmente, la sua volontà non è forte a sufficienza da credere in un cambiamento. Uno stile asciutto e diretto, che trattiene il lettore una pagina dopo l’altra senza mai allentare il ritmo.

Estratto:

Entrai nel mio appartamento gentilmente concesso dal Dipartimento di salute mentale. Era già quasi un anno che vivevo qui, ormai otto mesi passati. Ero a metà della mia vita, avevo trent’anni quasi compiuti, senza una donna che mostrasse interesse verso il sottoscritto, pochi soldi sul conto in banca, alcuni amici con cui ormai avevo poco a che spartire e, un’auto vecchia di sedici anni, ridotta male.
Un quadro poco confortante.
Descrizione dal sito dell’editore:
Andrea vive in un appartamento protetto del servizio di salute mentale, dentro cui trascorre le proprie giornate quando non lavora come magazziniere o riflette sulla sua condizione vagando per la città. Ormai le donne sono per lui una chimera, non coltiva amicizie e ha una condizione economica precaria. L’uomo è rinchiuso in se stesso e affranto; neanche la pubblicazione del suo primo romanzo, gli dona speranza. Dopo essersi ritrovato, suo malgrado, a vivere in tre diversi ospedali psichiatrici, l’arrivo di Carolina cambierà la sua vita. Questa ragazza dalle vedute antisemite e dai comportamenti particolari, lo condurrà verso situazioni difficili da affrontare. Un romanzo che esaspera la naturale condizione dell’uomo: perché se tutto può andare per il verso sbagliato, quasi sicuramente accadrà. L’opera, seppur inventata, tratta in alcuni casi argomenti ed emozioni vissuti in prima persona dall’autore.
Precedente Ciak si legge - di Dario Pontuale Successivo Rovine - di Peter Kuper