Convertire la pulsione? – di Massimo Recalcati (Paginaotto)

Convertire la pulsione? Che cosa intende Recalcati?

Perché questo titolo?

Essere psicoanalista è una posizione responsabile, la più responsabile di tutte, cioè responsabile di sostenere una operazione di conversione etica radicale, quella che introduce il soggetto nell’ordine del desiderio.

Convertire la pulsione? è il primo numero di una collana di una neonata casa editrice: Paginaotto, nata nel 2019 dall’idea di alcuni psicoanalisti.

Il libro primo è di Massimo Recalcati ed è la trascrizione di un ciclo di 7 lezioni, articolate intorno a una frase di Lacan, quella sopra citata.

Da questa sola e unica e frase Recalcati ha costruito un ciclo di 7 lezioni, dense e interessanti.
Come ha fatto? Solo chi maneggia bene la materia e ha una vasta cultura lo può fare. Da questo libro, c’è solo da imparare e prendere spunto.

Non è un libro semplice, ma è senza dubbio interessante. Che cos’è il desiderio? E che cosa la pulsione? E che cosa vuol dire conversione etica radicale?

Ce lo spiega l’autore, introducendo concetti che, per chi non mastica la psicoanalisi, non sono di facile o immediata comprensione, ma sono senza dubbio interessanti. Recalcati riprende la frase di Lacan sopra citata e la analizza con spiegazioni, digressioni, paragoni con Sartre e altri pensatori, filosofi e psicologi. Fa collegamenti all’apparenza impensabili, ma senza dubbio profondi. Io ho letto meno della metà dei libri e autori da lui citati, e di meno della metà ricordo la metà di quello che dovrei (semi cit.). Eppure sono rimasta affascinata, anche se, lo ammetto, non l’ho capito al 100%.

Recalcati introduce spunti di riflessioni e fornisce strumenti utili ai suoi allievi, strumenti che possono usare nelle loro sedute. Da una frase riesce a costruire un ciclo di lezioni, dando in questo modo una visione più ampia e completa di quel singolo passaggio.

Di certo non è un libro da leggere tutto d’un fiato.

È mia opinione che per apprezzare veramente e completamente Convertire la pulsione? siano necessarie un minimo di basi per cogliere la portata delle informazioni, le sfumature, il cambio di intonazione, che vi posso garantire, si sente anche nel libro. Altrimenti fate come ho fatto io: capite quello che potete!

Recalcati si rivolge a un pubblico specialistico, non certo improvvisato. E sono contenta di averlo letto: è uno di quei libri che ti insegna qualcosa, che ti costringe a pensare, a ragionare e interrogarti sul perché di quelle reazioni nel leggerlo. Concordo su tutto? No, decisamente no, non è il mio approccio o il mio modo di vedere e leggere il mondo, ma i confronti con posizioni diverse dalle nostre sono quelli più interessanti e produttivi.

Se vi interessa l’argomento, se amate o se siete anche solo incuriositi dalla psicoanalisi, questo libro è per voi.

Buona lettura!

Precedente La Risata del Barbaro di Sema Kaygusuz (Voland) Successivo Amok - di Tullio Forgiarini (Camelozampa)