Il gatto e gli stivali – di Marta Leandra Mandelli (A.Car)

Il gatto e gli stivali

di Marta Leandra Mandelli

A.Car Edizioni

Dal sito dell’editore

Secoli dopo l’Olocausto nucleare, i sopravvissuti vivono al riparo delle Città Scudo. Tra grattacieli futuristici e parchi lussureggianti, si aggrappano alla vita del passato. Eppure, fuori dalle cupole, il deserto post atomico, popolato da mostri mutanti, li tiene sotto assedio. La torre più alta di New Seelia appartiene alla Van Der Moon, polo tecnologico che si batte per l’avvenire dell’umanità. Ed è qui che Myra, una ragazza in cerca di riscatto, dà una svolta al proprio destino. Armata di un’incrollabile forza d’animo e dell’inaspettata amicizia con uno strano gatto randagio, Myra conosce Alain Van Der Moon. Tra i due scocca subito la scintilla. Tuttavia, Alain custodisce un segreto terribile, che potrebbe riscrivere la storia dell’Olocausto e rovesciare il fato dei sopravvissuti. Non è l’unico: anche il misterioso Chris è arrivato a New Seelia armato di buoni propositi e colpe infamanti. Vuole riabilitare il suo nome e la via della redenzione lo conduce dritto dai protagonisti. Intanto, i Perduti diventano sempre più audaci e i loro attacchi gettano un’ombra sugli abitanti delle Città Scudo.

Recensione

Io volevo essere così: una ragazza da stivali rossi con il tacco alto, che cammina dritta verso l’avvenire.

Myra ha appena perso il lavoro: la libreria dove lavorava ha chiuso e lei si ritrova per strada, con un affitto da pagare, esigui risparmi e un titolo di studio in scienze umanistiche che, anche in un futuro distopico, non garantisce un lavoro.

Nonostante questo, non resiste all’acquisto di un paio di stivali rossi; acquisto tanto più strano, in quanto non rientra nel suo stile. Saranno gli stivali a portarle fortuna?

Forse no, ma è poco ma sicuro che subito dopo incontra un gatto randagio che entrerà nella sua vita e di cui non potrà fare a meno. Lui la salva, lei lo accoglie in casa. I gatti sono bestie rare a New Seelia, e l’averlo incontrato è quantomeno peculiare. Il giorno dopo viene assunta, contro ogni aspettativa, alla Van Der Moon. Dal titolare in persona, che sembra molto curioso di conoscerla. Quali segreti nasconde?

La vita di Myra è già cambiata irrimediabilmente e lei non lo sa ancora. Gli stivali sono diventati il suo tratto distintivo. Non più sneakers, ma vernice rossa e tacco alto, che ticchetta sul pavimento, annunciandone a tutti l’arrivo.

Conoscerà persone nuove, con capacità uniche. Alternerà momenti di totale fiducia a momenti di paura e dubbio. Unica costante: il gatto, che sembra capirla e confortarla. Nei momenti bui lui c’è, le dà conforto e consigli, a modo suo.

Ancora una volta la Mandelli ci regala una storia di amore e speranza.

Una storia in cui Vita e Morte sono legate, dove le scelte di una persona, hanno ripercussioni sulle vite di altri. Una storia di lotta tra il bene e il male, dove però i confini sono labili: a volte le peggiori catastrofi sono il frutto delle migliori intenzioni.

Ognuno di noi esercita un’influenza sulle persone con cui viene in contatto. È fatale e non possiamo farci niente. Anche quando non ne abbiamo l’intenzione, diamo una piccola spinta. Non pensiamo mai a quale sia la direzione. A volte, è un sentiero senza ritorno.

Una storia in cui ognuno ha la sua parte, anche se non lo sa, se non ne è consapevole.

Come sempre non manca la magia, non può mancare, e ci sono Amore e Morte, Speranza e Paura, Fame e Coraggio. Li ho scritti in maiuscolo, perché il loro intervento è determinante, sono le emozioni che muovono le azioni degli uomini, più reali di quanto si pensi.

Daniela

Precedente Il bambino indaco - di Marco Franzoso Successivo Il Programma - di Davide Staffiero (Eclissi Editrice)