Odio – di Andrea Ferrari

Cop_Odio

Odio 

di Andrea Ferrari

96, Rue de la Fontaine Edizioni

Il libro

Andrea sembra incominciare senza particolari intoppi la sua vita. Tra avventure sentimentali e qualche incontro fuori dalle righe, troverà già in giovane età la donna della sua vita. In seguito, però, tutto andrà per il peggio e tra fughe dall’Italia, lavori mal pagati e ricoveri in strutture psichiatriche, dovrà affrontare la desolazione che attanaglia chiunque approcci questo mondo.
Il lavoro seppur inventato è fortemente introspettivo e attinge a piene mani dall’esperienza di vita dell’autore. Il linguaggio a volte spinto è una precisa scelta dell’autore.

Recensione

Prima di leggere questo libro bisogna sapere che è scritto con un linguaggio crudo, si direbbe quasi con l’intento di provocare, stupire, spiazzare.

Il protagonista è ossessionate dal sesso, è il suo chiodo fisso, sembra non riuscire a pensare ad altro, o quantomeno non riesce a parlare a noi di altro.

È un ragazzo timido, introverso, con un accenno di balbuzie, con pochi amici, ma pieno di occasioni per fare sesso. Ci dice di aver subito maltrattamenti in famiglia, ma non ne parla. Procede in una sorta di racconto della sua vita, in cui il lettore un po’ si perde, fatica a seguire i passaggi, i personaggi e si domanda quali siano le sofferenze da lui patite, quale il credito nei confronti della società. E poi finalmente il ricovero in una struttura psichiatrica: un po’ di respiro, se non per il protagonista, sicuramente per il lettore. Da lì invece di migliorare, sembra un ascesa di delirio.

Il libro è ben scritto, e non parlo dal punto di vista sintattico od ortografico, voglio dire che è in linea con il personaggio che descrive. Una scrittura psicotica, apparentemente corretta, ma indubbiamente disturbata, eppure difficile da stanare.

Non succede nulla di eclatante, non c’è un climax, non ci sono eventi particolari, è un susseguirsi di azioni e reazioni, è la storia di una persona disturbata, convinta di non essere compresa e che cerca una sua dimensione perché, a differenza di molti altri, sembra sapere esattamente che cosa vuole: fare sesso e scrivere.

L’odio, da cui trae il titolo l’opera, è strisciante e presente in tutto il libro, a volte esternato, altre volte agito.

Di solito non amo questo genere di letture e di sicuro non lo avrei letto se non me lo avesse inviato l’autore,  (che ringrazio) e invece devo dire che è stata una lettura interessante, mi ha incuriosita e l’ho voluto finire.

Quello che ho apprezzato non è tanto la storia, che c’è e non c’è, quanto la coerenza, la sintonia tra il raccontato, il messaggio e la scrittura.

Daniela

I commenti sono chiusi.