Riscenziello di Marco Ciotola (Rogas Edizioni)

 

Descrizione (dal sito dell’editore): Una sorella in crisi e un nipotino con uno spiccato gusto per l’arte splatter. Un padre ingombrante, saggista di chiara fama che, tra un talk-show e l’altro, rimane genitore impeccabile. Un lavoro di pubblicitario svuotato di qualunque dimensione etica. Inizia così la tragicomica avventura di Vittorio in compagnia dell’ansia, proprio quando si ritrova a curare la campagna di comunicazione per un rinomato quanto discutibile psicoterapeuta di estrazione lacaniana. Su consiglio di Claudia, nuova fiamma e aspirante psicologa, il giovane inizia un percorso di analisi dagli esiti grotteschi. Il risultato letterario è una satira feroce e attualissima.

Recensione:

Il significato del titolo non ve lo voglio spiegare adesso, così come me avrete voglia di arrivare fino in fondo alla lettura. In realtà, potrei dirlo anche subito perché questo romanzo d’esordio è bello da leggere e rileggere per lo stile limpido e spontaneo dell’autore.

C’è un ritmo vivace nonostante l’ansia che avvinghia il protagonista a ogni nuovo giorno, c’è un’ironia sottile nella condizione di Vittorio che deve affrontare i problemi di una generazione intera: una sorella che ha lasciato il compagno violento e si è trasferita a casa sua con il figlio che fa disegni pieni di mostri e sangue; un nipotino che non sa giocare a calcio e va difeso dalle preoccupazioni delle maestre; un padre perfetto, modello irraggiungibile; un capo che non vuole essere deluso e uno stagista che potrebbe rubargli il posto.

In un girotondo di psichiatri, da Freud a Lacan, passando per Jung, Vittorio incontra Claudia e a lei tenta di aggrapparsi, ma è dentro di sé che dovrà cercare la soluzione a quell’angoscia che proprio non se ne vuole andare.

Riscenziello è un romanzo che affronta temi impegnativi e, mentre ripensi con amarezza a quanto impietoso sia questo nostro tempo, ti accorgi che è riuscito lo stesso a strapparti un sorriso.

 

 

Biografia (dal sito dell’editore): Marco Ciotola è nato a Napoli, nel 1987. Si è laureato qualche anno fa alla Sapienza di Roma, e ha cominciato a scrivere per diverse testate giornalistiche, sempre a loro insaputa. Attualmente lavora nel campo editoriale. Riscenziello è il suo primo romanzo.

 

Anita

Precedente Marisa Ranieri Panetta "Messalina e la Roma imperiale dei suoi tempi" (Salani) Successivo L'universo a portata di mano, Christophe Galfard