Storie di un’attesa di Sergio Algozzino (Tunué)

Storie di un’attesa di Sergio Algozzino (Tunué)storie-di-un-attesa

 

Storie di un’attesa

di Sergio Algozzino

 

Descrizione (Dal sito dell’editore):

Tre storie distanti nel tempo. Un principe palermitano decide nell’Ottocento di partire per la Terrasanta, ma è molto più importante la preparazione del viaggio stesso. Due persone si sfidano, all’inizio del secolo scorso, in una partita a scacchi per corrispondenza, ma nel tempo scoprono come l’esistenza abbia scavato un abisso fra di loro. Un ragazzo, negli anni Novanta, si ritrova ad aspettare la ragazza con cui si è dato appuntamento, solo con i suoi pensieri. A legare le vicende l’aspettare con pazienza il tempo che scorre e i cambiamenti che ne vengono, per riscoprire, in un’epoca di frenesia, il valore dell’attesa.

 

Recensione

Quanto dura un’attesa? Un attimo, qualche giorno, a volte una vita intera. Saper attendere, valorizzare l’intervallo nello spazio che l’attesa ci propone è spunto per un’acuta riflessione da parte dell’autore che attraverso le immagini riesce a trasmettere il senso di impotenza dell’uomo davanti al tempo, l’incapacità di affrontare l’attesa e l’angoscia della consapevolezza. In epoche in cui la tecnologia non ci veniva ancora in soccorso come riempitivo di vuoti emozionali ed eravamo costretti a guardarci intorno e conoscerci attraverso gli sguardi e le parole, l’attesa rivestiva un ruolo importante. Non una parentesi da accantonare, non un mostro da evitare, ma un momento introspettivo e di riflessione.

Il romanzo a fumetti di Sergio Algozzino costringe a fermarsi e interrogarsi.

Il principe palermitano dell’Ottocento fa dell’attesa il suo alibi. La preparazione per la partenza diventa più importante del viaggio stesso. Ma c’è un tempo superiore, quello della Storia, che avvicina più del dovuto due uomini che non si sono mai incontrati ma che attraverso un annuncio iniziano una partita a scacchi per corrispondenza. E l’attesa di una lettera diventa fulcro attorno a cui ruotano due vite opposte, unite da una passione comune. Infine, l’attesa ingenua e carica di promesse che un liceale vive sotto il portone del suo primo appuntamento. Ingannare il tempo in questo caso è necessario, ma “L’attesa del piacere è essa stessa il piacere”.

Stupefacente l’espediente che mescola i piani e intreccia le storie in un arco temporale amplificato al punto da abbracciare secoli di vite.

Una graphic novel dal ritmo serrato, che si fa leggere a fiato sospeso, un’immagine dopo l’altra, in una Palermo travagliata dalle dominazioni, le guerre e il tempo sospeso che si dilata all’infinito in cui ritrovare se stessi.

 

Anita

storie-di-un-attesa (1) storie-di-un-attesa (2)

Precedente Ms Kalashnikov di Wu Ming 5 e Francesca Tosarelli (Chiarelettere) Successivo Le Uscite Estive di Baldini & Castoldi