Il destino qualche volta ha ragione – di Lorenzo Roberto Quaglia

Il destino qualche volta ha ragione  – di Lorenzo Roberto Quaglia

il-destino

Il destino qualche volta ha ragione

di Lorenzo Roberto Quaglia

self publishing – Il mio libro

Dal sito Amazon

Settembre 2012.Le prime indagini del nostro commissario Paolo Pasubio alle prese con la scomparsa di una giovane avvocatessa milanese…sullo sfondo la città di Expo e le cosche calabresi che cercano di occupare sempre più spazio nella Milano che conta…

Recensione

Lo stile di vita di Alberto, insulso e oramai al limite dell’indigenza, volge verso un futuro roseo grazie al ritrovamento casuale di un biglietto di lotteria “gratta e vinci” del valore di un milione di euro, ma, contemporaneamente, lo stesso destino gli riserva un incontro altrettanto casuale con gli autori di un delitto.
La scomparsa e la successiva scoperta del corpo della giovane avvocatessa Ghidoli sembra a prima vista un assassinio a sfondo sessuale, ma presto le indagini del commissario Pasubio rivelano ben altre motivazioni che lo porteranno a scoprire un intreccio di loschi interessi e attività criminali a livello internazionale celate da una cortina di rispettabilità.
Gli eventi sembrano volgersi lontano dal protagonista, incentrandosi sulle indagini svolte dal commissario Pasubio e dalla giovane collega Lauria, ma il destino benevolo che lo ha tolto dalla mediocrità gli riserva ora non poche sorprese che finiranno per risucchiarlo proiettandolo sempre più nel vortice degli eventi che gli ruotano attorno snodandosi con rapidità attraverso una serie di delitti.
Il racconto è strutturato in modo gradevole e riserva non pochi colpi di scena in un crescendo che l’autore riesce a maneggiare coinvolgendo sempre più il lettore rendendolo partecipe dell’attività dei due commissari.
L’introduzione di momenti di affetto nel rapporto che si instaura tra i vari protagonisti rende ancora più piacevole la lettura, che si colora di suspense non più esclusivamente per l’esito delle indagini, ma anche per ciò che sapranno riservare i vari legami affettivi.
Alfredo
Precedente In viaggio con l'ombra - di Tina Ceraso e Roberto Pellecchia Successivo Un anno è già volato...