I mercanti dell’apocalisse, di L. K. Brass

mercanti

I mercanti dell’apocalisse

di L. K. Brass

link per l’acquisto:  http://www.libreriauniversitaria.it/mercanti-apocalisse-brass-giunti-editore/libro/9788809814141?a=424541

dal sito dell’editore

I Mercanti dell’Apocalisse, il primo romanzo thriller di L.K. Brassambientato nel mondo spietato dell’alta finanza dove nessuna legge vale per contrastare le azioni di operatori finanziari pronti a tutto per raggiungere i loro scopi.

Un complotto che sta dissanguando la BCE, un uomo dimenticato da anni che lotta per ottenere risposte. Spionaggio, speculazioni finanziarie e colpi di scena in un mystery ad altissima tensione.

Daniel, geniale matematico, ha raggiunto il successo e tutto ciò che un uomo può desiderare, ma una breve telefonata cambierà la sua vita per sempre. Una terribile sciagura aerea e un attentato da cui si salva quasi per miracolo gli fanno capire di essere rimasto invischiato in qualcosa di oscuro e mortale. L’unico modo per proteggere se stesso e la figlia Isabel, la sola della sua famiglia a essere sopravvissuta, sarà scomparire. Anni dopo, vivendo sotto falso nome alla ricerca di chi gli ha distrutto la vita, si imbatterà in una nuova scia di morte e in un complotto che sta dissanguando la BCE e le economie europee. Con l’aiuto insperato di una giovane e brillante operatrice finanziaria, Daniel lotta per ottenere risposte. Fra spionaggio informatico, prodigiose fughe con la macchina e abili travestimenti, riuscirà a ricomporre tutte le tessere di quell’inquietante mosaico?

Denaro, amore, intrighi e speculazioni si intrecciano in un thriller finanziario che ci terrà incollati fino all’ultima pagina.

l’autore: L.K. Brass è nato a Lugano e si occupa di consulenza per i sistemi informativi finanziari. Ha vissuto a Parigi, Vaduz, Chicago, Ginevra e Zurigo. Questo è il suo primo romanzo, che apre una serie con gli stessi protagonisti…

 

recensione

La storia inizia con la morte della moglie e di due delle tre figlie del protagonista. Continua con un tentativo di sabotaggio di un’immersione, in cui trovano la morte tutti i membri della squadra, tranne lui, che si salva grazie a un’intuizione. Lo ritroviamo qualche anno dopo, costretto a salutare per sempre sua figlia Isabel per metterla al sicuro, fingendosi morto.

Da qui in poi vive tante vite diverse, sotto false identità. Il pensiero sempre rivolto alla figlia, ma attento a non dar segno di vita, a non far saltare la sua copertura, per non metterla in pericolo.

Per caso conosce un uomo con cui avrebbe potuto collaborare, se avesse accettato l’incarico che ha dato il via a tutte quelle morti. Quest’uomo ‘viene suicidato’ e da qui inizia la vera storia del romanzo. Sulle tracce di chi potrebbe averlo ucciso, conosce Anna e la salva. Tra i due nasce un forte legame, sia professionale, sia sentimentale.

Insieme dovranno trovare il modo di sopravvivere e di far pervenire alle autorità il materiale che dimostra la loro estraneità ai fatti, cambiando di continuo identità per non farsi riconoscere.

Il libro scorre bene e si legge d’un fiato, La prosa è semplice, anche se non sono riuscita a seguire tutte le spiegazioni finanziarie. Ci sono però alcuni aspetti che mi  hanno lasciata un po’ perplessa: perché il protagonista non va a vedere la figlia in incognito? Così come fa con altri personaggi senza venire scoperto? È possibile costruire quel sistema complesso di identità, proprietà, etc… dal nulla in così poco tempo?

In sostanza è un libro piacevole, la trama ben costruita, anche se alcuni aspetti appaiono poco verosimili, non manca qualche colpo di scena e si legge con piacere. Anche se secondo me con qualche aspetto da ‘supereroe’ in meno, qualche coincidenza in meno (possibile che frequentino tutti gli stessi locali anche a distanza di anni?), e qualche azzardo in più dal punto di vista lessicale, il libro sarebbe stato, se possibile, ancora più avvincente.

Daniela

I commenti sono chiusi.