Trilogia dell’amicizia – Luis Sepùlveda (Guanda)

trilogia dell'amicizia
trilogia dell’amicizia

La trilogia dell’amicizia, come dice il titolo, contiene tre storie:

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare;

Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico;

Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza.

Il Gatto Zorba

La prima storia parla di un gatto che si chiama Zorba e deve prendersi cura di un uovo. Tra mille guai e peripezie, il gatto affronta emici e difficoltà per proteggere l’uovo. Gli altri animali che gli fanno visita, cercano di capire a che punto della covata sia l’uovo ma all’improvviso il pulcino si apre un varco ed esce. Il problema è che crede di essere il figlio di Zorba! Così il gatto deve insegnargli a volare e non è semplice visto che lui non può farlo.

Mix e Mex

La seconda storia racconta di un gattino cieco che si chiama Mix e di un topo di nome Mex che prima si spaventa ma poi lo aiuta. I due trovano un buon accordo: il topolino parlerà al gatto del mondo che lo circonda e il gatto in cambio lo lascerà in pace.

La lumaca Ribelle

Infine, la terza storia racconta di una lumaca senza nome che vuole capire perché la sua specie cammina così lentamente. Durante il suo vagare scopre che esistono gli umani, che modificano il mondo, incontra tanti esseri viventi, tartarughe, formiche, scarabei e riceverà persino un bel nome.

 

Io amo molto le storie di animali quindi i miei nonni hanno scelto apposta di regalarmi questo libro lo scorso Natale.  Sono contenta di aver trovato buoni sentimenti e valori importanti come l’amicizia e il coraggio perché uniti è più facile superare le difficoltà. Lo consiglio soprattutto a chi ama gli animali e le storie che parlano di valori importanti. Inoltre, altra cosa importante che mi è piaciuta molto, ci sono le illustrazioni, così ho potuto immaginare le storie on gli occhi di chi ha scritto il libro.

Aurora

#auroralegge

 

Precedente Come se fossimo già madri - di Silvia Algerino Successivo Il sigillo degli Acquaviva - di Ornella Albanese