Edizioni Spartaco

Abbiamo conosciuto questa piccola casa editrice circa un anno fa.

Ci è stata segnalata da un’agenzia letteraria con cui collaboriamo spesso ed è stato subito amore.

Perché ci piace?

Perché sono libri curati. A partire dalle copertine: semplici, colorate e riconoscibili. Monocromatiche e con pochi elementi significativi rispetto al titolo o al contenuto del libro. Danno un”idea abbastanza chiara di che cosa si va a leggere. Il formato è quello giusto: sta in borsa, maneggevole, non sono mai tomi troppo lunghi e pesanti (anche a livello di peso fisico, non solo di contenuto). E ci piace risalire subito dalla copertina alla casa editrice.

La cura non si ferma all’aspetto estetico. Sono molto curati i testi, mai banali, sempre diversi uno dall’altro.

E poi questa CE ha una caratteristica: sperimenta. Sperimenta la lettura interattiva. Abbiamo letto un libro con la possibilità dell’accompagnamento musicale, scaricabile con il codice all’interno del libro stesso. O un altro che ci ha portate in giro per i luoghi del romanzo, tramite i codici QR.

Finora è l’unica CE che lo fa, almeno tra quelle con cui abbiamo noi i contatti. Non si limitano a fornire un’esperienza di lettura, cercano di andare oltre, di coinvolgere il lettore in maniera più profonda e completa nella lettura. E questo, secondo voi, può non piacerci?

Il nostro rapporto con loro?

Sono una di quelle CE che, proprio perché vuole coinvolgere il lettore con quanti più sensi possibili, non ha l’ebook, per quel che ne sappiamo. Noi i loro libri li abbiamo tutti in cartaceo.

Sono gentili e disponibili. Consigliano e propongono testi. Interagiscono con noi, anche sui social, il che dimostra, a nostro parere, vera attenzione. Attenzione alle nostre recensioni, alle nostre attività, a chi siamo. Non si limitano a proporci o inviarci libri, vogliono inviarci il libro giusto, quello che potrà piacere, quello adatto a noi. E anche questo non è scontato, è un di più che non molti fanno.

Distribuzione:

come si legge dal sito si avvalgono del servizio di Messaggerie Libri. Se aveste difficoltà a reperire un loro libro, magari il vostro libraio non lo trova, potete contattare direttamente la Casa Editrice dal sito, rispondono in breve tempo e sono anche in questo disponibili. E comunque potete ordinare tutti i loro libri direttamente dal sito.

Queste sono le nostre recensioni dei loro libri:

I favolosi anni ’85 di Simone Costa

Le sorelle misericordi di Marco Ciriello (abbiamo utilizzato questo libro anche per un percorso di consapevolezza all’interno di una Residenza per Anziani)

Occhi chiusi spalle al mare di Donato Cutolo

A breve, in questo stesso mese, potrete leggere anche le recensioni di:

Bisesto di Andrea Vismara (la storia di una sfida con la morte)

Il prete ebreo di Mariastella Eisenberg (un libro che affronta diversi temi, tra cui l’importanza per ognuno di noi delle proprie origini)

Ed ecco come loro stessi si presentano sul loro sito:

L’editore è un artigiano delle parole. A lui tocca scegliere la materia prima e trasformare una bozza in libro. Pubblicare libri impone delle responsabilità: verso l’autore, il quale dona la parte più intima di sé a chi lo legge ed è importante che siano in tanti a farlo; verso il lettore, che merita il cibo più nutriente per la sua mente e il suo spirito. Pubblicare libri risponde all’esigenza più profonda di condividere pensieri, sentimenti, soprattutto idee, ed è senza dubbio un bel mestiere perché frequentare scrittori del passato e del presente, frequentare la letteratura quotidianamente aiuta a capire come gira il mondo, molto più di quanto non faccia l’aggiornarsi sui fatti di cronaca. (continua)

Precedente Un principe per Agla - di Diletta Nicastro (M&L) Successivo "La Suocera sul Petto" di Alessio Biondino (Ianieri)